martedì 27 maggio 2008

La segnalazione della settimana


Tra le segnalazioni che ci avete inviato abbiamo deciso di pubblicare la proposta ricevuta da Alessandro di Bari che ha affrontato il problema del Brainwashing :

"Nella società di oggi si sono persi i valori di una volta e questi si sono sostituiti al vuoto. Bisogna premettere che questa forma di vuoto vi era anche quando i valori erano ancora vividi nella persona ma oggi questo vuoto si è espanso. Basti vedere quello che è accaduto nel veronese, di quel ragazzo che è diventato un omicida per un motivo futile anzi no, inesistente. La causa di ciò credo che sia quel vuoto . Quei valori si sono persi o meglio si stanno perdendo perchè la società in cui viviamo non li reputa più importanti non li reputa più alla base dell'essenza della persona. Ma ciò ci è imposto dalla società perchè noi non possiamo perdere qualcosa che fa parte di noi ,della nostra persona. Adesso la domanda che bisogna porsi è : chi comanda nella società chi ha il potere di dissolvere questi valori? A questa domanda io rispondo dicendo che comanda chi sta in alto, cioè i politici, a cui fa comodo una società priva di valori poichè così i cittadini sono privati della loro coscienza del loro pensiero che viene manipolato, e loro possono restare a piede libero. Documentandomi ho trovato una risposta a tutto ciò ovvero come i politici riescono a manipolarci. La risposta è il brainwashing, il lavaggio di cervello. Può sembrare a prima vista una risposta infondata, stupida ma se ci si informa bene credo che sia la risposta adeguata. Si possono fare tanti esempi dell'uso del brainwashing da parte della classe politica. Uno è l'11 settembre 2001 che non è altro che un auto-attentato da parte della Casa Bianca fatto per avere il pretesto di invadere l'Iraq, e che è stato fatto sembrare a tutti un attentato terroristico tramite la manipolazione delle informazioni,immagini,ecc. . Oppure esempi meno sporadici sono la manipolazione dell' informazione che vi è in Italia si vedano i vari casi concerni Grillo, Santoro, Biagi, il nostro caro Travaglio, ecc. Quindi la manipolazione delle informazioni ricade inevitabilmente nel fenomeno sociale mediatico politico, e chi più ne ha più ne metta, del brainwashing. Questo fenomeno ricordo è un fenomeno concreto reale che viene studiato oggi giorno da i più famosi psicologi del mondo per esempio Kathleen Taylor. Questi dottori ci riferiscono che la conseguenza del brainwashing è la forza estrema del suo condizionamento che fa convincere lo spettatore colui che è sottoposto a questa manipolazione di cose che sono evidentemente diverse da come si mostrano, si veda l'11 settembre. Per non dilungarmi ulteriolmente vorrei concludere dicendo che non si dovrebbe far notizia della manipolazione in quanto tale ma credo bisognerebbe fare notizia di questo fenomeno che forse siccome studiato dalla anche dalla Scienza potrebbe convincere molte più persone di ciò che sta accadendo.
Vorrei ringraziarvi per il servizio che ci date che penso che non sia altro che riferire la VERITA'. Se la mia proposta vi sembra buona rispondetemi personalmente sul mio indirizzo magari anche se non vi sembra buona, per farmi cambiare idea. Grazie."

Complimenti Alessando, bel post e argomento spesso molto sottovalutato anche se tutti i giorni sotto la luce del sole soprattutto qua in Italia vista la dittatura mediatica che ci soffoca.
Permettici però di dissentire il tuo accomunare problemi diversi, quali le censure di alcuni giornalisti italiani, con i fatti dell'11 settembre...riteniamo che una visione troppo semplicistica di un grosso mistero come questo rischierebbe di risultare una boutade poco credibile anche se a priori assolutamente non impossibile.

Interessante anche la segnalazione di Andrea che mette in risalto il fatto che in Italia l'emergenza immigrazione e criminalità extracomunitaria è stata strumentalizzata...questo è il suo Blog che tratta l'argomento (link)


4 commenti:

Marzia Ottaviani ha detto...

Argomento interessante ... leggendo questo post mi viene in mente il metodo EasyWay, non so se ne avete sentito parlare, è un libro di Allen Carr che aiuta a smettere di fumare. Io l'ho letto e miracolosamente ho smesso di fumare dopo 12 anni (miracolasamente perchè ero una fumatrice accanita). Voi direte, ma cosa c'entra con il lavaggio del cervello? è uno degli argomenti affrontati dall'autore ... beh non vi dico altro è un libro che va letto, adatto anche a chi non fuma perchè così si può consigliare a chi invece ne ha bisogno.

N.B. ogni promessa è un debito <__*

ciao
Marzia

julie ha detto...

Cara marzia... hai proprio ragione. Il brainwashing dell'ambiente/società in cui viviamo può riguardare molti aspetti, anche il fatto che fumare sia un piacere.
Purtroppo a proposito delle sigarette e del fumo, il risveglio della coscienza che Allen Carr prova a regalarci, non sempre opera bene. Io ho letto il libro e nonostante abbia seguito tutte le istruzioni, credo che sia comunque necessario l'uso della forza di volontà. Volontà che per me è STRAnecessaria anche per risvegliarci dal branwashing di cui parla Alessandro.. e non tutti ne sono dotati.
Chi non vuole, non si sveglia.
I politici si avvallano anche della pigrizia mentale di oltre metà dei cittadini italiani.

Generazione V ha detto...

purtroppo è vero ci sono molte persone che non vogliono svegliarsi e aprire gli occhi e molte altre che non ne sono capaci perchè vivono nelle loro ignoranza presuntuosa...però se ognuno di noi riesce a svegliare qualcuno e sopratutto a controinformare quello che ci dice buona parte di tv e giornali piano piano la situazione potrà iniziare a cambiare in meglio...

indiano ha detto...

Grazie per aver permesso a un mio concittadino di esprimere queste sue interessanti riflessioni.

A presto

indiano