domenica 4 maggio 2008

Qualcosa cambia


A che serve firmare per i V day?
A cosa serve visionare le gesta di Piero Ricca?
A cosa serve leggere la Casta?
A cosa serve ascoltare Marco Travaglio?
A cosa serve commentare su un blog?
Il significato di tutto ciò è un monito per chi ci tiene al guinzaglio: attenti, stiamo cambiando.
Vi abbiamo scoperto, ci stiamo risvegliando dall’incantesimo che avete creato, l’effetto sedativo delle vostre parole, l’effetto distrattivo dei vostri “circenses” non sono più sufficienti a tenerci a bada con la testa china a sgobbare per voi.
Sta nascendo in noi una nuova forza, sta germogliando un nucleo consapevole che lentamente ma inesorabilmente farà cambiare la mentalità di tutta la società.
In noi c’è maggiore consapevolezza, maggiore indignazione, maggiore voglia di cambiamento, minore paura.
Alla gente comune è stata inculcata la paura.
Paura del futuro, paura di non riuscire a lavorare il tanto che basta per garantirsi la sopravvivenza, paura di vedersi espropriati i beni dallo Stato (sprechi e tasse) o dal nemico cattivo (criminalità e clandestinità).
I vecchi hanno paura del presente, i giovani hanno paura per la loro vecchiaia, i disoccupati hanno paura del futuro, i lavoratori hanno paura della precarietà, chi ha acceso un mutuo ha paura di fallire, chi ha una casa con giardino non ha paura che gli svaligino la casa: ha paura che gliela ri-svaligino gli stessi del mese scorso. Una vita nel terrore di non farcela.
Questa cappa di timore è come un incendio creato ad arte dal cacciatore: esso è stato all’inizio appiccato in più punti ed in seguito è stato alimentato e indirizzato magistralmente per far fuggire gli animali verso una ben precisa direzione.
Ma c’è chi ha capito il giochetto e non intende sottostarvi più e allora cosa fa?
Comincia a sondare il terreno per cercare un’altra via di uscita e… comincia ad informarsi, comincia a raccogliere un po’ di firme, comincia a commentare su un blog…..
E tu, hai paura del fuoco?
Riprendiamoci il nostro futuro. Senza paura.

Segnalazioni dalla rete:
Per martedi 6 maggio è fissata davanti al Consiglio di Stato l’udienza finale per la vicenda Europa 7
link 1 : Travaglio riassume la scandalosa storia d Europa7
link 2 : intervista a Francesco Di Stefano, proprietario di Europa7, dopo l'udienza del 6maggio2008

3 commenti:

blogdellaliberta ha detto...

Qualcosa sta cambiando è fisiologico siamo sul baratro già da un po allora è inevitabili..

stavo guardando questo
http://it.youtube.com/watch?v=7KO-NdwjUjw

ed ho letto questo
http://www.danielemartinelli.it/2008/05/04/lantidoto-e-la-rivoluzione-violenta/

cambiare deve cambiare ma facciamo attenzione..

robertoc ha detto...

la rivoluzione che dobbiamo spingere è quella culturale per far si che non si cada inevitabilmente nella fisiologica rivoluzione violenta a cui fa riferimento martinelli

alexander777 ha detto...

che qualcosa sta cambiando è vero...purtroppo il cambiamento mi pare essere lento grazie anche alle televisioni...su internet ci vanno la maggior parte dei giovani...ma dai 40 in su ancora poche persone...quindi,spero di sbagliarmi,ma credo che serviranno degli anni...