giovedì 3 aprile 2008

Il candidato nel pallone.


La principale differenza col calciomercato sta solo nel fatto che, per quanto riguarda i cambi di casacca dei nostri aspiranti dipendenti alle camere, manca un Maurizio Mosca a farci trasalire con le sue bombe in anteprima.
E allora per conoscere meglio i trapassati (nel senso di passati a miglior vita politica) proviamo a fare un giro on line e a riportare qui le novità relative ai big del campionato.

La prima figurina che l’editore dell’album dovrà riadattare è quella di Lamberto Dini, il quale nello scorso girone giocava all’ala sinistra concedendosi però non poche libertà di manovra (con disappunto dell’allenatore-giocatore Prodi) e che all’interruzione del campionato ha optato per il cambio di maglia, cioè l’adesione agli schemi tattici del suo nuovo mister Berlusca.
L’attaccante di peso Carlo Giovanardi ha invece rescisso il contratto con l’Udc e si è accordato con il Pdl, portando con sé il proprio fidatissimo staff di massaggiatori e preparatori atletici che ha pomposamente chiamato “Popolari Liberali”.
Il pluri-insultato dai propri tifosi e addirittura anche dai compagni di squadra Nuccio Cusumano ha gettato con stizza la maglia della PoliAntisportiva Udeur ed è stato ingaggiato dallo squadrone verde-pisello, il quale pare gli abbia garantito un posto da titolare nella zona del Senato.
Il suo più acerrimo rivale all’interno dello spaccatissimo spogliatoio Udeur, Tommaso Barbato, per il quale non sono bastati movioloni e prove tv a decretarne una lunga squalifica, ha accettato il contratto offerto dal Movimento per l’Autonomia di Lombardo, squadra che predilige sviluppare il proprio gioco sulla destra. Nella stessa compagine è approdato anche Fernando Latteri, che nei ritagli di tempo opera anche fuori dal campo di gioco, dopo che è stato messo fuori rosa anzi proprio nemmeno convocato dall’irremovibile mister del Pd.

Purtroppo la prossima edizione del torneo non vedrà più in campo alcuni supercampioni che tante gioie hanno dato ai propri tifosi: alcuni hanno appeso le poltrone al chiodo più o meno volontariamente, mentre altri sono stati poco gentilmente invitati a ritornare a giocare all’oratorio. Per esempio il prossimo anno non rivedremo più negli stadi di Montecitorio e di Palazzo Madama alcuni fuoriclasse del calibro di Visco, ragioniere di centrocampo, o dell’arcigno terzino di fascia sinistra Diliberto, o addirittura il professore bolognese settepolmoni Prodi e persino, udite udite, l’ondivago collezionista di maglie nonché eclettico palleggiatore a tutto campo “piede di fata” Clemente Mastella!

Insomma la nuova stagione che sta per cominciare promette tante novità ed è palpabile la grande emozione che i tifosi di tutte le squadre provano durante questa attesa.
Con la viva speranza di non assistere all’ennesimo torneo falsato, l’augurio che rivolgiamo indistintamente a tutti voi è: buon divertimento... se non vomitate prima!!!

2 commenti:

Django ha detto...

Sei trarcomavaglio2 su Youtube?

blogdellaliberta ha detto...

ci vuole la moviola in campo.. :)